Come orientarsi fra le norme P.O.S. – D.V.R.

pr7 imm articolo

Le disposizioni legislative sulla sicurezza, un caos? Ecco come orientarsi fra le norme ed adempiere quelle di cui si ha la competenza.

Anzitutto bisogna stabilire a chi sono attribuibili i rischi per il lavoro che si sta facendo. Infatti, ci sono adempimenti riguardanti la sicurezza di chi esegue il lavoro, adempimenti della ditta affidataria e quelli concernenti il destinatario, cioè di chi fruirà dell’impianto.

DLGS 81/08, TITOLO IV – CANTIERI. La sicurezza dei lavoratori nei cantieri

La sicurezza nei cantieri è regolamentata tramite il POS (Piano Operativo di Sicurezza). Il POS deve essere redatto dall’Impresa o azienda appaltatrice e stabilisce le norme, le attrezzature e le regole fondamentali perché il lavoro sul cantiere sia svolto in sicurezza.

Il COMMITTENTE deve individuare un responsabile dei Lavori in cantiere che sarà anche il RESPONSABILE DELLA SICUREZZA oppure nominerà una persona incaricata. Il Responsabile della sicurezza dovrà stilare il PSC (Piano di Sicurezza e Coordinamento) che sarà comunque complementare al POS.

DLGS 81/08, ART. 26 – AZIENDE.

Le aziende da parte loro sono comunque sottoposte, oltre al POS, alla predisposizione del DVR (Decreto Valutazione Rischi)

Il Documento di Valutazione dei Rischi (DVR), secondo gli artt. 17, 28 e 29 del D.Lgs. 81/08, deve essere predisposto dal Datore di Lavoro per ciascuna unità produttiva (oppure per la sola sede legale), entro 90 giorni dall’inizio dell’attività, in ogni situazione lavorativa in cui operi almeno un addetto, purchè distinto dal datore di lavoro stesso, e indipendentemente dalla sua tipologia contrattuale e dalla forma di compenso.

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA’ – Destinata ai fruitori dell’impianto.

È il documento che attesta come il lavoro sia stato svolto secondo le regole dell’arte ed utilizzando componenti con relative marcature di qualità IMQ e CE. Per l’installatore o la ditta che esegue l’impianto è l’unico documento che attesta la correttezza del lavoro svolto e che solleva quindi l’esecutore da eventuali controversie legate ad incidenti.

DVR.- Cosa deve contenere

1. Relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante l’attività nella quale siano specificati i criteri adottati per tale valutazione.

2. Indicazione delle misure atte alla prevenzione ed alla protezione e dei dispositivi di protezione individuali a seguito della valutazione di tutti i rischi.

3. Programma delle misure opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza.

4. Individuazione delle procedure per l’attuazione delle misure da realizzare e dei ruoli nell’azienda che vi debbono provvedere, a cui deve essere assegnato solo chi ha adeguate competenze e poteri.

5. Indicazione del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza o di quello territoriale nonchè del medico competente che ha partecipato alla valutazione del rischio.

6. Mansioni da individuare che eventualmente espongono i lavoratori a rischi specifici e che richiedono capacità professionale speciale oltre ad adeguata formazione e addestramento.

7. Indicazioni previste dalle specifiche norme sulla valutazione dei rischi contenute nei titoli successivi al I del D.Lgs. 81/08.

POS come si fa.

Il POS è una dichiarazione della valutazione dei rischi inerenti le attività all’interno di un cantiere esterno ed è sempre da considerarsi complementare al PSC piano di sicurezza e di coordinamento
il POS, visto le particolari circostanze che si vanno a creare all’interno di un cantiere sia dalla parte della ditta affidataria del lavoro sia del lavoratore che lo
esegue, deve essere redatto da tutti e due le aziende in questione.

Questi sono gli obblighi che del datore di lavoro presso i cantieri esterni sia dell’impresa affidataria che esecutrice:

Dati del cantiere e dell’impresa esecutrice e descrizione dell’attività
Specifiche mansioni riguardo la sicurezza in cantiere
Servizi igienici assistenziali
Caratteristiche dei macchinari e delle attrezzature utilizzate per operare
Elenco dei ponteggi e di altre opere provvisionali
Presenza di sostanze pericolose
Rischio di rumore e/o vibrazioni
L’elenco dei dispositivi di protezione individuale forniti ai lavoratori
L’individuazione delle misure preventive e protettive

Nel merito della ditta affidataria deve inoltre alle parti sopra citate anche:

Verificare le condizioni di sicurezza dei lavoratori affidati e la corretta applicazione del piano di sicurezza, verificando la congruenza del P.O.S. redatto dal
datore di lavoro dell’impresa esecutrice con il proprio;
Coordinare gli interventi delle imprese;
Trasmettere i piani operativi di sicurezza al coordinatore per l’esecuzione dei lavori;
Essere in possesso della certificazione di adeguata formazione così come devono esserlo tutti i dirigenti e i preposti che coordinano i lavori.
Il piano di sicurezza deve essere trasmesso al coordinatore per l’esecuzione che verificherà che siano congruenti con il lavoro previsto e in caso contrario chiederne l’immediato adeguamento.

Prodotti in Prova

IDEA-box

I-DEA Program Tutorial

0 comments