Il software Gratuito perchè detraibile.

fai_da_te

Pr7 Bene Strumentale completamente detraibile di cui non puoi fare a meno.
Pr7 è un software altamente sofisticato creato e progettato per le imprese e come tale, grazie anche ai suoi costi ridotti, rientra nei Beni Strumentali (Cespiti) deducibili dalla Tasse dello stesso anno sia ai fini Irpef che Irap.

Cosa sono i Beni Strumentali:I Beni Strumentali o anche detti Cespiti sono i beni materiali o immateriali che partecipano alla formazione del reddito e vengano utilizzati direttamente per il servizio dell’attività come computer, software, macchine per ufficio, apparecchiature, mobili, attrezzature, impianti, auotovetture o strumenti propri dell’attività dell’impresa e/o dell’artigiano come per esempio gli attrezzi di lavoro.

Pr7 in tutte le tre versioni Orange, Green e Blue rimane al disotto della cifra di € 516,46 per la deducibilità integrale

La deduzione dei costi dei Beni strumentali per i soggetti titolari di Partita IVA si fonda sul principio di “cassa” ovvero sul principio in base al quale il reddito Irpef del professionista viene generato dalla differenza tra quello effettivamente incassato, e dimostrato dalle entrate ricevute sul conto corrente, e quello effettivamente speso nello stesso periodo d’imposta. Tale principio, non è però assoluto dal momento che esistono delle eccezione e delle deroghe come nel caso dell’ammortamento dei beni ammortizzabili di costo superiore a 516,46 euro per i quali la partecipazione al costo dei beni strumentali avviene per quote, a prescindere dall’effettivo pagamento del bene, in base quindi al “principio di competenza”.

Per i beni strumentali, invece, il cui costo unitario è inferiore a 516,46 euro è consentita la deduzione integrale della spesa nell’esercizio dell’effettivo sostenimento, in base al principio di deducibilità per cassa. Nel caso in cui vi sia un utilizzo promiscuo del bene, ovvero, che sia utilizzato dal professionista per l’esercizio d’impresa e anche per uso personale o familiare, la deduzione delle quote di ammortamento e delle relative spese è del 50%, anche se di valore inferiore a 516,46 euro. La percentuale dell’ammortamento è la stessa anche per i beni acquistati nel corso dell’anno.

 

Per poter detrarre Pr7, strumento che ti aiuta nel tuo lavoro quotidiano, basterà inserirlo nel tuo Bilancio d’impresa

 “Tutti i Beni strumentali acquistati dal professionista o dall’azienda devono essere, inoltre, registrati ed iscritti nel Bilancio dell’impresa suddivisi per categoria e per anno di acquisto. Al 31 dicembre di ogni anno d’imposta e di esercizio verrà poi calcolato e riportato sul Libro dei Cespiti anche l’importo di ammortamento, il valore del fondo di ammortamento ed il valore residuo del bene.

L’azienda o professionista che intende procedere alla vendita di un bene strumentale registrato deve materialmente deve stralciarlo dal libro dei Cespiti, se la differenza tra il valore residuo del bene (costo di acquisto meno fondo ammortamento) ed il prezzo di vendita è positivo si parlerà di ricavo, se è negativo si avrà parlerà in termini di costo, nel caso in cui invece il bene dovesse rompersi definitivamente, il professionista o l’azienda dovrà procedere ad una dismissione senza possibilità di vendita.”

Richiedi subito Pr7 è lo strumento che ti tiene informato sui prezzi, con cui puoi fare offerte ai tuoi clienti, controllare gli insoluti, gestire il cantiere, collegarti ai Listini dei Grossisti, crearti una tua libreria con i prezzi e materiale.
Tutto questo con nessun costo reale per te e la tua attività !!

qui sotto un elenco di tutti i beni Detraibili:

 

  • Deducibilità costi Partita Iva: elenco spese professionista, società.
  • Deducibilità Telefoni cellulari, telefonia mobile e PC, connessioni internet, Adsl: I costi deducibili per l’acquisto, affitto, locazione leasing di telefonia mobile è pari all’80%, se la spesa però riguarda il telefono fisso o pc e fax sono inerenti all’attività d’impresa, la relativa IVA può essere detratta al 100% sia nel caso di spese sostenute da un professionista che da un imprenditore.Riguardo invece gli apparecchi installati sui mezzi di trasporto merci delle imprese di autotrasporto limitatamente ad un apparecchio per ciascun veicolo, la deducibilità è pari al 100% dell’IVA.
  • Deducibilità Mutuo e Interessi passivi: sono deducibili al 100% se strettamente connessi all’acquisto di un bene o servizio strumentale all’impresa e alla sua attività.
  • Deducibilità Software-programmi applicativi per il computer: come anche altri beni immateriali, sono deducibili interamente nell’anno di pagamento sia ai fini Irpef che Irap.
  • Deducibilità Giornali, riviste e libri: sono spese interamente deducibili sia ai fini Irpef che Irap.
  • Deducibilità Viaggi e trasferte, biglietti aerei-treno-nave: aerei, treni, auto e pedaggi stradali: sono deducibili se si riferiscono a trasferte operate fuori dal comune di residenza del professionista.
  • Deducibilità contributi previdenziali versati alla cassa di previdenza: sono deducibili dal “reddito complessivo” del contribuente.
  • Deducibilità spese per ristoranti e alberghi: possono essere dedotte nella misura del 75% e, in ogni caso per un importo complessivamente non superiore al 2% dei compensi percepiti. Le spese sono documentate da ricevute fiscali o fatture, sempre intestate al professionista.
  • Deducibilità spese di rappresentanza: fino al 1% dei compensi percepiti nel periodo d’imposta, mentre l’Iva sulle spese di rappresentanza relative alle cessioni gratuite (omaggi) è detraibile solo se di costo unitario inferiore a 25,82 euro. Sono considerate di rappresentanza: le spese per l’acquisto di “beni omaggio”; le spese di ristorante e alberghi (comunque deducibili nella misura del 75%) per altre persone in relazione con l’attività del professionista; le spese di quadri, sculture oggetti d’arte, d’antiquario e da collezione.
  • Deducibilità spese per convegni, congressi e corsi di aggiornamento professionale: sono deducibili nella misura del 50%. Con la Circolare n. 53/E del 2008, l’Agenzia ha precisato che la limitazione della deducibilità delle spese alberghiere e di ristorazione al 75% ha carattere di regola generale, vale a dire anche in occasione di partecipazione a congressi o convegni.
  • Deducibilità Spese Sito Web a fini Pubblicitari: quando il sito web pubblicizza tramite le sue pagine i prodotti o i servizi offerti dall’azienda, eventualmente avvalendosi di strumenti e tecnologie per renderli più accattivanti (musiche, immagini o animazioni). Tali spese per la realizzazione e per la gestione sono fiscalmente deducibili nell’esercizio in cui vengono sostenute ovvero in quote costanti nell’esercizio stesso e nei quattro seguenti (art. 108, comma 2, del D.P.R. n. 917/1986)
  • Deducibilità Spese Sito Web a fini di rappresentanza: quando l’azienda ha come obiettivo quello di dare agli utenti un’immagine di un’azienda solida ed in buona salute tramite sito web. Tali costi sono deducibili solamente per un terzo del loro importo in quote costanti nell’esercizio stesso e nei quattro seguenti (art. 108, comma 2, del D.P.R. n. 917/1986).

 

Se vuoi approfondire, gli argomenti di questo articolo sono stati ripresi da : www.guidafisco.it